320.06.70.037 [email protected]
Seleziona una pagina

Configurazione del monitoraggio di Ceph in Proxmox con LibreNMS

da | Mag 29, 2024 | Ceph, LibreNMS, Proxmox | 0 commenti

In LibreNMS è possibile configurare il monitoraggio di Proxmox con due diversi metodi:

SNMPD EXTEND: Quando si utilizza il metodo Extend SNMP, il modulo di rilevamento dell’applicazione raccoglierà quali applicazioni sono state impostate per il monitoraggio automaticamente, anche se il dispositivo è già in LibreNMS. Il modulo di rilevamento dell’applicazione è abilitato per impostazione predefinita per la maggior parte dei sistemi operativi *NIX, ma in alcuni casi si dovrà abilitare manualmente il modulo di rilevamento dell’applicazione.

AGENT: L’agente UNIX non ha un modulo di DISCOVERY, solo un modulo di POLLER. Quel modulo di poller è sempre disabilitato per impostazione predefinita. Deve essere abilitato manualmente se si utilizza l’agente. Alcune applicazioni verranno automaticamente abilitate dal modulo UNIX-Agent Poller. È meglio garantire che l’applicazione sia abilitata per il monitoraggio.

In questo tutorial vedremo come configurare Proxmox e LibreNMS per poter monitorare Ceph all’interno di un server Proxmox utilizzando lo Unix Agent.

CONFIGURAZIONE DELL’AGENT SU PROXMOX

Se abbiamo fatto la configurazione tramite SNMP per proseguire con la configurazione tramite Agent collegarsi al server Proxmox e commentare la riga extend proxmox

Eseguire il comando:


Quindi commentare la riga


o la riga


Salvare e chiudere il file di configurazione

Sempre dalla console di Proxmox installare GIT con il comando:


Quindi eseguire i comandi in sequenza:


Modificare il file /etc/systemd/system/check_mk.socket aggiungendo l’interfaccia di rete BindToDevice

Eseguire il comando:


Inserire la riga BindToDevice=vmbr0

ATTENZIONE: inserire al posto di vmbr0 il nome della propria interfaccia di rete

Se abbiamo fatto tutto correttamente dovremmo vedere un output come quello sottostante:


Quindi eseguire i comandi:

CONFIGURAZIONE DI LIBRENMS TRAMITE AGENT

Collegarsi alla Web GUI di LibreNMS

selezionare il server Proxmox e cliccare sulla rotellina in alto a destra come mostrato nell’immagine sovrastante

Selezionare Modules come mostrato nell’immagine sovrastante

Andare al fondo dlla pagina web e abilitare il modulo Unix Agent come mostrato nell’immagine sovrastante

Cliccare su Applications come mostrato nell’immagine sovrastante

Quindi selezionare l’applicazione Ceph come mostrato nell’immagine sovrastante

A questo punto eseguire il Discover e il Poller oppure attendere che LibreNMS faccia il Discover automatico

Cliccare quindi su Apps quindi selezionare Ceph come mostrato nell’immagine sovrastante

Se è andato tutto a buon fine dovremmo vedere i nodi del cluster Ceph come mostrato nell’immagine sovrastante.
Cliccare su un qualsiasi nodo per visualizzare i grafici dello storage Ceph

Sarà possibile visualizzare i grafici relativi a:

Pool stats

  • .mgr Reads/Writes
  • .mgr IOPS
  • ceph_pool_ssd Reads/Writes
  • ceph_pool_ssd IOPS

OSD Performance

  • osd.x Latency

Usage

  • .mgr Usage
  • .mgr Objects

Cluster Usage

  • ceph_pool_ssd Usage
  • ceph_pool_ssd Objects
Raffaele Chiatto

Scritto da Raffaele Chiatto

Sono Raffaele Chiatto, un appassionato di informatica a 360°…
Mi sono avvicinato al mondo dell’informatica nel lontano 1996 con Windows 95 e da allora non ho più smesso di dedicarmi allo studio ed approfondimento di questo settore.
Laureato in Ingegneria Informatica nel 2009, lavoro nel campo dell’IT dal lontano 2001.

Link – Friends

Infrastrutture IT

English School

Act for Change

Graphic and Web solution

Categorie:Ceph | LibreNMS | Proxmox

Related Posts

 

Rimozione Pulita di Ceph da Proxmox

Ceph è una piattaforma di storage open source che è stata progettata per le moderne esigenze di storage. Proxmox integra completamente CEPH, e ne permette l’installazione, la gestione ed il monitoraggio direttamente da WEB GUI. Con le ultime versioni è stata...

leggi tutto

Tipologie di Storage in Proxmox VE

Il modello di storage Proxmox VE è molto flessibile. Immagini di macchine virtuali possono essere memorizzate su uno o più archivi locali o su archivi condivisi storage come NFS o iSCSI (NAS, SAN). Non ci sono limiti, e si può configurare tutti i pool di archiviazione...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »